A TORINO È POSSIBILE!

COMUNICATO STAMPA

untitled-1

Al via la collaborazione fra il Coordinamento Cambiamo la Mensa e La Scuola Possibile di Torino per curare l’alimentazione degli allievi

L’impresa è sfidante: creare una scuola elementare improntata sul modello di scuola parentale-liberale, ma farlo al di fuori della famiglia, in spazi organizzati in modo inconsueto che non prevedono la distribuzione dei bambini in aule, né tutto ciò che è l’arredo standard di una scuola primaria; organizzare l’attività didattica in modo innovativo con 5 grandi aree dedicate all’alfabetizzazione, al movimento, alla musica, alla scienza e all’arte, una scansione dei tempi di attività e pausa diversa da quella tradizionale e senza la prescrizione dei compiti a casa. Sono queste le principali caratteristiche de La Scuola Possibile, la nuova scuola di educazione primaria che aprirà i battenti a Torino per l’anno scolastico 2017-2018.

In un modello educativo che punta allo sviluppo armonico del bambino e alla valorizzazione delle sue attitudini e naturali propensioni non poteva mancare la proposta di un approccio all’alimentazione altrettanto innovativo, che sfrutta le naturali qualità dei cibi per assecondare al meglio l’attività didattica e che al contempo è in linea con le direttive dei principali organismi che a livello mondiale e nazionale si occupano della salute dei cittadini e in particolare dei bambini della scuola primaria (Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro e Ministero della Salute).

Su questo terreno si sono incontrati La Scuola Possibile e l’Ordine dell’Universo con il suo progetto “Coordinamento Cambiamo la Mensa”. I contenuti della collaborazione, su cui si sta lavorando, riguardano la redazione dei menu per i tre pasti previsti nella giornata, l’affiancamento nella didattica con percorsi di educazione alimentare rivolti sia ai bambini sia alle famiglie, la gestione della mensa. I menu saranno bilanciati e validati da esperti di nutrizione, realizzati con materie prime rigorosamente stagionali provenienti da fornitori selezionati sulla base di determinate modalità di produzione degli alimenti, “certificati” dallo stesso Coordinamento con la propria “Etichetta di qualità”. I bambini impareranno a conoscere i cibi, le loro origini, le modalità di produzione e faranno esperienze di cucina.

Con questo approccio il cibo diventa uno straordinario strumento di educazione e prevenzione con un impatto significativo sull’evoluzione della società” – osserva Elena Alquati, Presidente dell’Ordine dell’Universo e ideatrice del Coordinamento Cambiamo la Mensa. “Curare la nutrizione del bambino fin dall’età scolare – continua Alquati – significa non solo farne un adulto sano e meno predisposto a sviluppare le patologie più diffuse, ma anche farne un adulto consapevole del fatto che le proprie abitudini alimentari possono avere un impatto sulla difesa e sulla salvaguardia delle risorse del pianeta”.

Conclude Laura Milani, Direttore IAAD e Presidente de La Scuola Possibile “Il cibo e la nutrizione sono parti fondanti della cultura contemporanea. L’educazione nella nostra scuola è una scelta che non investe soltanto l’istruzione dei bambini, ma il loro intero approccio alla vita”.

 

CON CORTESE PREGHIERA DI DIFFUSIONE

 

Contatti:

Elena Alquati – Presidente L’Ordine dell’Universo

Tel. 02 394 43 353; mail: coordinamento.cambiamolamensa@gmail.com

 

Cristina Cuscunà – Coordinatore regionale progetto “Coordinamento Cambiamo la Mensa”

Tel. 349 5199050; mail: coordinatore.regionepiemonte@gmail.com

scarica PDF completo

Annunci